skip to Main Content

La Comunità Educativa di Fondazione Adolescere “il viaggio” è una struttura residenziale a carattere comunitario, che accoglie bambini ed adolescenti con situazioni di disagio personale e\o familiare pregiudizievoli per la loro serena crescita psicofisica e la loro realizzazione. I minori vengono inviati dal Tribunale per i minorenni in accordo con i Servizi di Tutela minorile del Comune di residenza della famiglia.

Il percorso in Comunità ha lo scopo di integrare o sostituire le funzioni familiari temporaneamente compromesse, accogliendo il minore in un contesto educativo adeguato. L’equipe di lavoro è composta da educatori professionali, coordinatore, personale ausiliario e psicologo psicoterapeuta.

La Comunità è sita a Rivanazzano Terme all’interno di una villa liberty circondata da un grande parco. È adeguata ai livelli di prestazione e di qualificazione del personale e di funzionalità strutturale e organizzativa previsti dalla normativa regionale (piano Socio Assistenziale della Regione Lombardia) e regolarmente autorizzata al funzionamento. Attualmente dispone di dieci posti letto accreditati.

Gli operatori lavorano costantemente in rete con i Servizi competenti condividendo gli obiettivi progettuali del singolo ospite attraverso il Piano Educativo Individuale e valutano con essi l’opportunità di coinvolgere la famiglia d’origine nel percorso tenendo in considerazione un possibile rientro del minore nel contesto familiare di appartenenza.

A livello territoriale, i ragazzi frequentano la scuola, partecipano ad attività sportive, musicali e di tempo libero concordate con gli operatori che sono costantemente aggiornati sull’andamento del percorso.

Vengono organizzati inoltre laboratori creativi ed espressivi con professionisti esterni, come il laboratorio di Drammaterapia attivo dal 2016.

Particolare attenzione viene posta all’organizzazione della vita quotidiana, nei suoi spazi, nei suoi tempi, nelle sue attività che prendono vita insieme alle relazioni che si stabiliscono. Poiché quando un minore entra in comunità quella sarà la sua nuova casa, intesa fortemente come luogo di accoglienza e di crescita che la relazione può stimolare.

Il metodo di lavoro si rifà alla cornice teorica di riferimento di matrice relazionale in cui il lavoro educativo si declina sulle dimensioni relazionale e comunitaria in un continuum.

Alla conclusione del percorso in comunità, se le condizioni lo consentono, il ragazzo potrà rientrare in famiglia. Quando il rientro nel contesto familiare non è possibile, Fondazione Adolescere può mettere a disposizione, in accordo con i Servizi invianti e con il Tribunale per i minorenni, i percorsi per l’autonomia per neomaggiorenni che si svolgono in alloggi esterni alla Comunità educativa e con la supervisione del personale educativo preposto.

Richiedi maggiori informazioni su questo servizio
[]
1 Step 1
Consenso privacy
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder
Back To Top